Facebook è roba da vecchi

          reporterlab

Valadier 3, ore 12.00 e 15.00

Se fino a qualche anno fa erano Facebook e Twitter a spopolare tra gli internauti e di conseguenza anche tra le testate che volevano raggiungere il maggior numero di lettori, oggi si assiste a una migrazione, soprattutto tra gli under 25 che tentano di fuggire dai… vecchi!

Stando a quanto riportato nell’ultimo report del 2017 di Facebook, il numero è passato da 185 a 184 milioni.

l primo approdo è Instagram, che in Italia ha raggiunto quota 14 milioni di iscritti. 

schermata-2018-05-17-alle-19-42-53

I giornalisti, anche quelli che nell’erba lo sono solo per definizione e non per anagrafica, devono quindi imparare la grammatica di questo “nuovo” (si fa per dire, ha già 8 anni) social network.

E quali esperti migliori dei principali utenti per una lezione di Instagram?

Il mini workshop a cura dei giovani corsisti di #SchoolOfMedia* sarà tenuto da Francesca Macioni e Edoardo Gianandrea

schermata-2018-05-17-alle-19-42-29 macioni

 

 

 

 

*Il progetto #SchoolOfMedia è co-finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale – e dalla Regione Lazio, art. 82, L.R. 6/99 e ss.mm.ii

 

Storia del Diritto Ambientale

             lectio&panel

Auditorium Scuderie Aldobrandini, ore 13.00

 

berlenghi-al-salone-del-libroTullio Berlenghi, giurista, scrittore e giudice di Giornalisti Nell’Erba, ha pubblicato da poco, con Primiceri Editore, un preziosissimo saggio sulla Storia del Diritto Ambientale, presentato anche da FIMA al Salone del Libro di Torino.

copertina-berlenghiNon è un libro per addetti ai lavori. Berlenghi – già autore di “Come difendersi dagli ambientalisti” e “Alle Colonne d’Ercole” – ricostruisce la storia del diritto ambientale, partendo dalle primissime organizzazioni sociali fino ai giorni nostri, rivolgendosi a tutti.

Si passa dal Codice di Hammurabi alle XII tavole, dal Medioevo allo Statuto Albertino, fino ad arrivare alla storia del diritto ambientale a partire dalla nascita della Repubblica e dall’approvazione della Carta Costituzionale, tenendo conto dei fattori sociali, culturali, politici ed etici che hanno determinato i  cambiamenti registrati in materia di diritto ambientale. Berlenghi offre anche una analisi su come l’esigenza di tutela ambientale abbia condizionato l’evoluzione del diritto internazionale e di quello dell’Unione Europea. In particolar modo, in questa ultima parte, si sottolinea l’importanza di alcuni storici summit internazionali – come la Conferenza di Stoccolma del 1972 e la Conferenza di Rio de Janeiro del 1992 – che hanno impresso una significativa accelerazione alla costruzione di un quadro giuridico mondiale di tutela dell’ambiente e degli ecosistemi, nonché del costante sviluppo del quadro normativo eurounitario.

LO STAFF di #GNE2018

Project management e direzione scientifica Paola Bolaffio

Responsabile organizzativo Ernesto Stacchiola

Vicedirettore Giorgia Burzachechi

Responsabile coordinamento team School Of Media e gNeLabjr Ivan Manzo

Direzione artistica immagine e grafica: David De Angelis 

Responsabile coordinamento staff: Margherita Stacchiola

Direttore Sviluppo Francesco Codacci Pisanelli

Coordinamento nazionale Rete Docenti e delegate Educazione e Formazione: Giuditta Iantaffi e Ilaria Romano

Segreteria organizzativa eventi Paola Caprioli

Foto: Bianca Attiani

E, in ordine alfabetico:  Alice Attiani, Giulia Attiani, Leonardo Birindelli,  Luca Della Vecchia, Sara Leone, Victoria Nikiforova, Shahriar Radpour,  Mihai Rotariu, Leonardo Porciello, Caterina Stacchiola, Giuseppe Toninelli, Gabriele Vallarino

Speaker&Tutor jr:

@gNellerba – Live tweeting coordinato da Arianna Orlando

Giornalisti nell’erba – Instagram coordinato da Giulia Apicella, Giulia Ceci, Giulia Cugini, Claudia Sansone

Facebook live coordinato da Ivan Manzo, Giulia Apicella, David De Angelis, Giorgia Burzachechi (https://www.facebook.com/GiornalistiNellerba/)

 

Educare alla sostenibilità, sì, ma come?

             lectio&panel

Auditorium Scuderie Aldobrandini, ore 10.30

L’educazione allo Sviluppo Sostenibile è parte integrante dell’Agenda 2030. E’ uno dei cardini per raggiungere gli obiettivi. Ma in Italia si fa? E come si fa? Esiste un luogo comune? Esistono figure specializzate e riconosciute per formare i formatori e gli educatori? A che punto è il Miur sul percorso verso l’educazione alla sostenibilità? E’ solo a scuola che si dovrebbe fare l'”educazione”? E’ una disciplina o piuttosto una cultura?

1e75be95-8447-4aee-aafd-fc4bf9e83a16

Prosegue il discorso iniziato grazie ad EarthDay Italia al Villaggio per la Terra 2018. In quell’occasione, giornalistinellerba.it ha raccolto varie EduStories dai protagonisti dell’educazione allo sviluppo sostenibile. Cerchiamo ora di fare il punto della situazione

Il ragionamento, guidato da Giuditta Iantaffi e Ilaria Romano coordinatrici nazionali Rete Docenti gNe e delegate Educazione e Formazione, sarà collettivo in una mezz’ora di incontro informale tra

Alessandro Vienna, della Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Giulia D’Agata, del Segretariato ASviS, referente per i gruppi di lavoro sull’Educazione allo Sviluppo Sostenibile e per il goal 6, 7, 13, 14 e 15

Michela Mayer, del consiglio direttivo di IASS (Italian Association for Sustainability Science) nonché componente dello CNES Unesco Agenda2030 e di Environment and School Initiatives International No Profit Association (ENSI INPA)

Roberta Cafarotti, direttrice scientifica di Earth Day Italia

Alessandra Perri, eco-psicologa e formatrice fondatrice di Ecopsychelab-Ecopsicologia Applicata al Cambiamento Climatico e alla Sostenibilità

 

Luna Park della Scienza

          scienzalab

piazza Mercato – dalle 10 alle 14 – ogni 45′ 

Chi lo ha detto che scienza, giochi e divertimento non possono essere una cosa sola?

Per scoprilo vieni a visitare il Luna Park della scienza, un luogo magico in cui  una partita di bowling può ispirare la spiegazione della fissione nucleare, il lancio al barattolo si trasforma in uno spunto di riflessione sugli equilibri ambientali e le bolle di sapone diventano un concentrato di chimica e matematica.

 Il pubblico visiterà 3 postazioni in ciascuna delle quali potrà giocare proprio come in un luna park e, allo stesso tempo,  scoprire come e quanto la scienza sia in tutto ciò che ci circonda. 

 Di seguito il dettaglio delle postazioni-gioco: 

Nuclear Bowling 

in collaborazione con Scienzimpresaschermata-2018-05-15-alle-17-37-14

Un divertente gioco da fare tutti insieme, per scoprire i segreti della fisica delle particelle! I birilli-nucleoni ci aiuteranno a comprendere cosa sono la fissione e la fusione nucleare, in un viaggio appassionante tra particelle subatomiche dai nomi e dalle proprietà più disparati e interazioni nucleari “forti” e “deboli”, che ci permetterà di capire perché le stelle brillano e com’è fatta la materia che ci costituisce.

 

La chimica delle bolle 

schermata-2018-05-15-alle-17-31-45in collaborazione con LUDIS

Per scoprire segreti e leggi della scienza, non c’è modo più bello che farlo osservando le bolle di sapone, le vere protagoniste di questa postazione!  Scopriremo la ricetta per ottenere delle bolle super resistenti e dalle forme sorprendenti, impareremo a farle rimbalzare, a muoverle al nostro comando e realizzeremo un serpente di bolle. Ogni attività sarà collegata ad un particolare fenomeno scientifico che le bolle ci aiuteranno a rendere indimenticabile.

 

EcoStrike 

schermata-2018-05-15-alle-17-32-50in collaborazione con G.Eco

Venghino siore e siori, qui abbiamo il più grande gioco di equilibrio della storia! Trattasi nientepopodimeno che…. dell’ecosistema! Un mirabolante esempio di organismi in sintonia, prede e predatori, produttori e consumatori, parte vivente e non vivente. Eccoli disposti come una piramide pronta per il tiro al barattolo. 

Cosa succederà all’ambiente una volta che sarà colpito dalle vostre palline? Riuscirete a fare strike? E soprattutto cosa succede realmente all’ambiente se un impatto ambientale altera il suo equilibrio? Per scoprirlo non vi resta che accettare la sfida!

 

Organizzato da Frascati Scienza

frascati_scienza-300x92

VINCITORI 3° – 4° fascia – Internazionale

VINCITORI 3° FASCIA

sezione A

Premio Speciale

La Siringa del liceo G.Alessi di Perugia, con il coordinamento di Annalisa Persichetti http://www.giornalistinellerba.org/opere/be-the-change-you-wish-to-see/

1° classificato ex aequo

Manuela Tugliani, della redazione de La Siringa del liceo G. Alessi di Perugia http://www.giornalistinellerba.org/opere/come-pianifica-sostenibilita-perugia/

Edona Xhaferri, 17 anni, della redazione de  La Siringa, liceo Alessi di Perugia http://www.giornalistinellerba.org/opere/san-marco-a-perugia-aria-di-nuovo/

 

2° classificato ex aequo

Maria Luisa Orlandi, del liceo G. Alessi di Perugia http://www.giornalistinellerba.org/opere/il-prezzo-del-web/

Sofia Cesaroni,  redazione La Siringa, Liceo Scientifico G.Alessi-Perugia http://www.giornalistinellerba.org/opere/politica-al-verde/

 

3° classificato ex aequo

Sara Pieretti, 17 anni, delliceo G. Alessi di Perugia http://www.giornalistinellerba.org/opere/pescatori-del-trasimeno-la-rivincita-del-pesce-di-lago/

Sofia Stopponi e Giorgia Soriani, 15 anni, del liceo Alessi di Perugia http://www.giornalistinellerba.org/opere/primo-comandamento-non-sprecare/

Giuseppe Miscenà, I liceo scientifico al Galeazzo Alessi di Perugia http://www.giornalistinellerba.org/opere/orangefiber/

Edoardo Cucina, della redazione de La Siringa del liceo Alessi di Perugia http://www.giornalistinellerba.org/opere/ambientalisti-da-2-centesimi/

Clara Marangoni, 18 anni, dell’ISS Luciano Dal Cero di San Bonifacio (Verona) http://www.giornalistinellerba.org/opere/oro-verde-il-petrolio-del-futuro/

Alessandra Orza e Valentina Diani, 16 anni di Piacenza http://www.giornalistinellerba.org/opere/quanto-e-inquinata-laria-che-respiri/

 

 

sezione B data e infografica

1° classificato

La redazione giornalistica del liceo Carducci di Comiso (coordinamento Maria Stella Micielihttp://www.giornalistinellerba.org/opere/il-bilancio-di-comiso-obiettivo-202020/

sezione C bufala

1° classificato

Edoardo Giraldi, 15 anni, del liceo Dante Alighieri di Roma http://www.giornalistinellerba.org/opere/bilanci-di-sostenibilita-ci-pensavano-gia-i-sumeri/

 

2° classificato

La redazione della II A del liceo N.Pizi di Palmi, coordinamento Maria Anile http://www.giornalistinellerba.org/opere/la-bilancia-della-societa/

 

3° classificato ex aequo

Valerio Bucciaglia, 14 anni, di Pomezia http://www.giornalistinellerba.org/opere/coop-bilacio-di-sostenibilita-da-brividi/

Raffaele Bianco, 17 anni, de La Siringa del liceo Alessi di Perugia http://www.giornalistinellerba.org/opere/promessa-a-interesse-zero/

sezione D creativa

1° classificato

Marco Zuaro, 17 anni, di Roma http://www.giornalistinellerba.org/opere/la-ballata-di-nettlefield/

 

2° classificato

la redazione della II B – liceo N.Pizi di Palmi con la guida di Maria Anile http://www.giornalistinellerba.org/opere/stop-ai-mali-del-pianeta-la-cura-sei-tu/

 

3° classificato ex aequo

Gabriele Ripandelli, 18 anni, di Perugia http://www.giornalistinellerba.org/opere/il-movimento-dellaria/

Raffaele Bianco, Mario Bucaneve, Leonardo Suvieri, 17 anni, del liceo Alessi di Perugia http://www.giornalistinellerba.org/opere/canto-per-la-primavera/

 

 

VINCITORE IV FASCIA

1° classificato

Lucia Menza, 28 anni di San Cataldo di Bella (Potenza) http://www.giornalistinellerba.org/opere/il-diritto-di-accesso-in-materia-ambientale/

2° classificato

Rebecca Vitelli, 23 anni, di Carpineto Romano http://www.giornalistinellerba.org/opere/volkswagen-rapporto-di-sostenibilita-2016/

 

SEZIONE INTERNAZIONALE

1° classificato

Greta Romualdi, 12 anni, di Siena http://www.giornalistinellerba.org/opere/the-future-of-tomorrow/

2° classificato

Eric Barbizzi, 14 anni, di Ascoli Piceno http://www.giornalistinellerba.org/opere/be-on-to-be-green/

 

VINCITORI 1° FASCIA

VINCITORI I FASCIA

Premio Speciale

Gli alunni di due V della primaria e una classe I della secondaria dell’Istituto Don Milani di Monte Porzio Catone, coordinamento di Barbara Forti, Alessandra Massimi, Ornella Silo,  Teresa Biancone, Franca Rapolla, Pietro Ilari, Carla Carlettihttp://www.giornalistinellerba.org/opere/s-o-s-tenibilita/

 

sezione A 

1° classificato

La redazione del club dell’Albatros della V A della scuola primaria “A. Manzoni” a  Marlia-Capannori (LU), con il coordinamento dei maestri Aida Mariotti e Rossano Ercolini http://www.giornalistinellerba.org/opere/figurine-sostenibili-unindagine-a-scuola/

2° classificato

La V A primaria della Scuola D. Giuliotti di Greve in Chianti, con il coordinamento di Agata Maddoli, riprese e montaggio di Matteo Merciani http://www.giornalistinellerba.org/opere/bilancio-di-donne/

 

Sezione B

1° classificato

La redazione della V a dell’Istituto comprensivo di Bovino, Castelluccio dei Sauri, Panni (FG), coordinamento Stefania Cicioni http://www.giornalistinellerba.org/opere/bilancio-di-sostenibilita-quattro-passi-per-lambiente/

 

sezione D

1° classificato

Antonia Converso, Benedetta Maffia, Sofia Fusaro, 7 anni, Alessandro Francesco Romanello e Ilaria Alessandra Vecchio, 6 anni, a nome delle prime A e B, plesso Ariosto, IC Erodoto, Corigliano Calabro, con il coordinamento di Giuseppina Antonucci http://www.giornalistinellerba.org/opere/il-mostro-dello-spreco/

 

VINCITORI 2° FASCIA

VINCITORI II FASCIA

sezione A giornalismo scritto e video

1° Classificato ex aequo

La redazione dell’Urlo Green della Pascoli – Nivola di Assemini( Ca), coordinamento di Roberta Mascia e Bernardina Troncia: http://www.giornalistinellerba.org/opere/lurlo-green-connette-realta-virtuose/

La redazione di Parola Nostra dell’Istituto comprensivo di Bovino, Castelluccio dei Sauri Panni (Fg): http://www.giornalistinellerba.org/opere/il-gioiello-della-valle-del-cervara/

 

2° classificato ex aequo

Gli studenti del lab di giornalismo della scuola media dell’Istituto Luigi Settembrini di Roma, coordinamento di Agnese Malatesta: http://www.giornalistinellerba.org/opere/la-preside-sceglie-lo-sviluppo-sostenibile-e-propone-il-voto-nelle-gite-scolastiche/

 

La redazione dell’Istituto Comprensivo Donatello di Roma, coordinamento di Lucia Viola: http://www.giornalistinellerba.org/opere/donatellonews-sostenibilmente-online/

 

3° classificato ex aequo

Alessia Durante, Desireè Policriti, Maria Sugrovskaya, Giuseppe Campolo, Francesco Minisci della 3E I.C. Erodoto, coordinamento Carla Minisci: http://www.giornalistinellerba.org/opere/intervista-cose-il-bilancio-di-sostenibilita/

Marta Francesca Chiodo, Rosa Caricato, Lucrezia Gabriele, Maria Sugrovskaya della classe 3E Erodoto, coordinamento di Carla Miniscihttp://www.giornalistinellerba.org/opere/tg-ambiente/

 

 

Menzioni speciali

Francesco del Rio e  Alessandro Ghisu, e Giulia Murgia per le riprese –  IIIE della scuola Media  Pascoli – Nivola  di Assemini (Ca): http://www.giornalistinellerba.org/opere/sostenibilita-delloasi/

Rosanna Pia Biondino, 13 anni, dell’Istituto Erodoto di Corigliano Calabro coordinamento di Lucia Visciglia http://www.giornalistinellerba.org/opere/intervista-allazienda-biondino-sul-bilancio-di-sostenibilita/

Federico Pirro, 12 anni, di Corigliano Calabro, della rete gNe di Bovino, coordinamento di Lucia Visciglia http://www.giornalistinellerba.org/opere/intervista-a-pirro-enrico-sul-bilancio-di-sostenibilita/

 

sezione B data e infografica

1° classificato ex aequo

La redazione della I e della II secondaria di primo grado dell’Istituto Frascati, guidata da Giuditta Iantaffi  http://www.giornalistinellerba.org/opere/eco-game-il-questionario/

La redazione della classe IC di Panni (Fg), coordinamento di Stefania Russo http://www.giornalistinellerba.org/opere/una-merenda-piu-sostenibile/

 

2° classificato ex aequo

La redazione della scuola media di Castelluccio dei Sauri (FG) http://www.giornalistinellerba.org/opere/agricoltura-biologica-ed-economia-circolare-per-lo-sviluppo-del-territorio/

Eliana Iaconis e Martina Marinò, della II E, scuola media Edoroto, Corigliano Calabro, coordinamento Lucia Visciglia http://www.giornalistinellerba.org/opere/esempio-di-bilancio-annuale-di-sostenibilita-ambientale/

 

3° classificato 

Pietro Falcone e Sergio Ferraro, 12 anni, dell’Istituto Erodoto di Corigliano Calabro con il coordinamento di Lucia Visciglia http://www.giornalistinellerba.org/opere/risparmio-dellacqua-una-risorsa-fondamentale/

 

Menzioni speciali

Samuele Romio e Mattia Polino, con il coordinamento di Annalisa Rotilhttp://www.giornalistinellerba.org/opere/sostenibilita-agricola-dellazienda-romio/

Chiaradia Alessandra e Sosto Ludovica, 12 anni, dell’Istituto comprensivo Erodoto di Corigliano Calabro, coordinamento Lucia Visciglia http://www.giornalistinellerba.org/opere/esempio-di-bilancio-di-sostenibilita-in-campo-alimentare/

 

sezione C bufala

1° classificato

La redazione della Classe 3D Sc.Sec.1°Grado Vle Resistenza di Cesena, coordinamento di Monica Giunchi http://www.giornalistinellerba.org/opere/eco-hackers/

 

2° classificato

Karima Lucano, 11 anni, scuola media Lavinia Fontana di  Bologna, coordinamento Sandra Caddeo http://www.giornalistinellerba.org/opere/approvata-sanzione-ai-messaggi-inutili/

 

sezione D creativa

1° classificato ex aequo

Francesca Geraci, 12 anni, Corigliano Calabro http://www.giornalistinellerba.org/opere/il-bilancio-solidale-della-famiglia-pittaluga/

La III E di Castelluccio dei Sauri (Fg) con il coordinamento di Barbara Doronzo e Luigi De Luca http://www.giornalistinellerba.org/opere/io-non-mincarto/

 

2° classificato

Pierpaolo Casciaro, 12 anni, Corigliano Calabro http://www.giornalistinellerba.org/opere/storia-di-una-famiglia-comune-dalle-stalle-alle-stelle/

 

3° classificato

Linda Malfarà, 12 anni, Corigliano Calabro http://www.giornalistinellerba.org/opere/gli-sprechi-di-esmeralda-e-michelle/

 

Menzioni speciali

Giulia Corino, 12 anni, Corigliano Calabro http://www.giornalistinellerba.org/opere/giornata-ecologica/

Filippo Labonia, 12 anni, Corigliano Calabro http://www.giornalistinellerba.org/opere/una-famiglia-sostenibile/

Francesco Ungaro e Ugo Serra, 12 anni, Corigliano Calabro http://www.giornalistinellerba.org/opere/lola-la-lattina-di-coca-cola/

Mattia Feraco, 12 anni, Corigliano Calabro http://www.giornalistinellerba.org/opere/insieme-si-puo/

Luigi De Bartolo, 12 anni, Corigliano Calabro http://www.giornalistinellerba.org/opere/la-famiglia-perfetta/

 

 

 

 

Intervista: come si fa?

             lectio&panel

Valadier 1 – 10.00/11.30

 

Hai il microfono, forse anche il taccuino, una videocamera (ma va bene anche lo smartphone, il tablet, l’iPad) e un personaggio da intervistare. E’ un esperto di qualcosa? E’ un politico? E’ un vip del mondo dello spettacolo? Un grande scrittore…? Da che parte si comincia per costruire una buona intervista? Quali domande sono le migliori? Devo fare bella figura facendole difficili oppure meglio restare più sul vago per non rischiare di farne una brutta? Come faccio a costringere l’intervistato a darmi risposte esaurienti e impedirgli di partire per la tangente rispondendomi solo con “fuffa”? E se poi faccio domande “stupide”?

Pare semplice: mi preparo quattro o cinque domande e vai. Tanto è lui che deve parlare. No, non è facile. Anche quella dell’intervista è una tecnica della professione. Una tecnica che può essere utile a chiunque, nella vita di tutti i giorni. Una tecnica che ti permette di sviluppare curiosità, spirito critico e capacità di andare “al sodo”.

nataleUn maestro d’eccezione è Roberto Natale, giornalista RAI, già portavoce della Presidente della Camera Laura Boldrini, già presidente della FNSI (e giudice di Giornalisti Nell’Erba), che ne farà una Lectio Magistralis.

 

Giornalista al tempo del web e delle fake news

             lectio&panelValadier 1 – 14.30/16.00

Mica facile fare il giornalista al tempo del web e delle fake news. Fare informazione seria ed affidabile, mentre intorno circolano pericolossisime  bufale sempre più raffinate e costruite ad arte, nelle quali cadono anche le grandi testate, necessita un costante lavoro di ricerca della “verità”, un fact checking, come ormai lo chiamano tutti, sempre più complesso che forse diventerà una vera professione. Per niente facile mantenere una buona reputazione di serietà, affidabilità, responsabilità, autorevolezza, quando tutti si improvvisano giornalisti e dei giornalisti si ha un’opinione sempre più negativa.  Fake news sui social network, pericolosi tranelli per gli utenti e i lettori, a volte in buona fede, a volte architettati ad arte per fare click, e quindi soldi, o per fare disinformazione. Giornali, blog, account social, nessuno ne è esente. Le trappole sono ovunque. Persino nelle immagini, in foto e video. Non basta più il detto: credo solo se vedo….

alfredomacchi01Alfredo Macchi, inviato di guerra delle reti Mediaset, volto noto del piccolo schermo e bravissimo fotografo (nonché giudice di Giornalisti Nell’Erba), ne parlerà con i giovani gNelabers durante la sua Lectio Magistralis.