Torna il Festival dei Giornalisti Nell’Erba nel sud d’Italia, e quest’anno è doppio. Due, non solo le candeline sulla torta di questa edizione, ma anche le regioni coinvolte: infatti l’agguerrita “corazzata” in favore della sostenibilità ambientale di Puglia, sarà affiancata da quella della Calabria.

L’appuntamento è fissato per sabato 11 aprile nell’ormai consueta cornice di Bovino, splendido borgo medievale in provincia di Foggia. A partire dalle 8.30 docenti, giornalisti, ricercatori, produttori ed esperti terranno lezioni e laboratori che andranno ad arricchire il programma della giornata. Tema del secondo Festival Interregionale dei gNe, oltre al tema nazionale, a tre settimane dall’apertura dei cancelli di Expo non poteva che essere il cibo, la greenicità e le innovazioni sostenibili. Continua … »


Tag:, ,

In attesa del Festival interrregionale Puglia e Calabria dell’11 Aprile, una trasmissione webTV su Giornalisti Nell’Erba, “metodo vincente”. Parlano il preside Gaetano De Masi e la docente Anna Maria Gesualdi della scuola dove è nata la proposta di introduzione della Cultura Ambientale tramite giornalismo: “L’alunno utilizza gli strumenti del giornalista, il linguaggio semplice, chiaro e diretto che rende comprensibile il linguaggio scientifico, il reportage e fotoreportage come metodo di osservazione della realtà, e l’inchiesta come metodo d’indagine, quindi utilizza tutti strumenti giornalistici per capire il mondo e difendere l’ambiente”.


Grazie a Giornalisti nell’Erba e Carlsberg Italia 8 giovani provenienti da tutta Italia potranno vivere EXPO da inviati

Al via ora la fase di formazione con giornalisti televisivi e scientifici per arrivare preparati al meglio all’appuntamento dell’anno

Milano, 1 aprile 2015 – “Adesso lo possiamo dire: siamo stati davvero spietati. Legati a doppio filo dai temi del coraggio e del cibo del/per il futuro, abbiamo chiesto ai partecipanti di produrre un’inchiesta, un articolo in inglese, l’analisi di una tabella dati, un video, post di facebook e twitter. Il tutto in un solo mese di tempo.” commenta così Paola Bolaffio, Direttore di Giornalisti Nell’Erba, la fase di selezione di “Feed your future – Il coraggio di raccontare i numeri”, contest nazionale di Giornalisti Nell’Erba #gNeLab e Carlsberg Italia che con Birrificio Angelo Poretti sarà la Birra Ufficiale di Padiglione Italia.“Tanta la voglia di fare e di fare bene, numerose le richieste di delucidazioni e consigli, con tanti di loro abbiamo avuto un rapporto quotidiano. Tutto questo entusiasmo ci ha fatto affezionare, ma solo 12 di loro ce l’hanno fatta, gli 8 inviati e le 4 ‘riserve’”.

L’obiettivo del contest è stato quello di selezionare 8 inviati under 30 che, per tutto il periodo di EXPO 2015, in collegamento diretto con la redazione centrale di gNe, andranno a caccia di notizie su qualità, innovazione, sostenibilità e #greenicità ed avranno così modo di raccontare da protagonisti il grande evento.

I VINCITORI

Percorrendo lo stivale da sud a nord troviamo Giuseppe Toninelli, detto Peppe, 28 anni, siciliano Doc e amante delle produzioni biologiche e Laura Isola, di Lecce, la più giovane: dovrà superare la maturità prima di raggiungere il Padiglione Italia. Buona la risposta del Lazio con ben 4 inviati: arriva dai Castelli Romani la 27enne Azzurra Giordani, con la sua indagine sulla sostenibilità di una dieta insettivora. Elaborato in francese quello di Rachele Bevacqua, 22 anni di Roma, che per la sua inchiesta è volata fino a Parigi. Romana anche Sara Leone, che per la sua lotta contro lo spreco alimentare ha realizzato la video intervista al Banco Alimentare di Milano. E poi c’è il futuro ingegnere gestionale Luca Masoero, di 19 anni. Di Arenzano in provincia di Genova è il 26enne Gabriele Vallarino e da bravo ligure esperto di pesto, non poteva che presentare un basilico più green che mai. Infine da Tradate, Martina Cavallaro, 23 anni, già diverse volte vincitrice del premio GNE e borsista per il corso euromediterraneo di giornalismo ambientale Laura Conti. Importante supporto al progetto lo daranno i quattro rinforzi: Ludovica Criscitiello, 28 anni da Avellino, giornalista professionista e penna de La Nuova Ecologia. Matteo Isidori, 24 anni di Roma, aspirante giornalista che con gNe ha già seguito il ciclo di workshop “Si fa presto a dire green”. Giordana Maddalena, 22 anni di Roma, laureata in Scienze della Comunicazione all’Università Tor Vergata. Infine, da Bisceglie, Francesco Regano, 22 anni, studente di lettere moderne con il pallino per il cibo sostenibile.

Continua … »


Roma, 29 marzo 2015  - La giuria del contest per selezionare i giovani che per il periodo di EXPO 2015, in collegamento diretto con la redazione centrale di gNe e dall’area di Birrificio Angelo Poretti, andranno a caccia di notizie su qualità, innovazione, sostenibilità e greenicità ha concluso il suo lavoro. Dopo una prima preselezione, l’attenzione si è concentrata su 12 nomi, quelli che leggete qui sotto. Si tratta di giovani romani, milanesi, siciliani, liguri, pugliesi, dai 18 della più giovane, ai 28 del più “anziano”.  Tranne una, professionista,  tutti sono “free lance”, nel senso che si lanciano nell’avventura (chi studente universitario, chi alla vigilia della maturità, chi già attivo come collaboratore di qualche testata ma come free lance, chi armato solo del sogno di potersi lanciare nella vetrina universale come reporter).  ”Solo in pochissimi casi la scelta è stata rapida – spiega Paola Bolaffio, direttore di Giornalisti Nell’Erba – In generale, la decisione è stata piuttosto difficile. Contiamo comunque su tutti e 12: chi non è in prima linea, se vuole, potrà avere comunque un ruolo importante nel progetto”.

Gli otto inviati, in ordine alfabetico, sono:

Rachele Bevacqua. Ha 22 anni, è di Roma. Da gennaio collabora come assistente alla produzione e stagista con un’agenzia che produce servizi video per Al Jazeera English e NBC. Al contest ha portato un’inchiesta su un test per verificare se nel cibo ci siano tracce di carne di maiale, l’Halal Test, messo a punto in Francia dai due giovani fondatori di Capital Biotech. L’intervista è in francese (è stata realizzata a Parigi) ed è doppiata in italiano.

QUI per vedere il lavoro  

 

Martina Cavallaro.  23 anni, studia Beni Culturali a Milano, ha vinto lo scorso anno una borsa di studio per il corso euromediterraneo di giornalismo ambientale Laura Conti, collabora con testate locali. Ha intercettato un imprenditore di Ancona che, dopo aver lavorato anni nello studio e nella produzione di detergenti senza eccipienti chimici, ha creato un detersivo a base di oli vegetali esausti, gli scarti delle nostre fritture.

QUI per vedere il lavoro

 

     

Azzurra Giordani, 27 anni, di Frascati. Volontaria SCN all’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, collabora con l’ufficio stampa, ha seguito corsi per animatori scientifici all’ESA, all’Osservatorio Astronomico. Settore di interesse: giornalismo e comunicazione scientifica. Per il Contest ha proposto un’intervista al prof. Zapparoli sugli insetti come cibo sostenibile per il futuro.

QUI per vedere il lavoro

 

Laura Isola, 18 anni, di Lecce, frequenta l’ultimo anno del liceo classico. Danza ed è co-redattore del giornalino mensile “La Voce”. Si è candidata presentando il caso imprenditoriale del Caffé Quarta, eccellenza pugliese con forte inclinazione alla sostenibilità. Spigliata e fresca nell’intervista, sprigiona entusiasmo e allegria nei suoi post e tweet.

QUI per vedere il lavoro

 

Sara Leone, 22 anni di Roma, studia Scienze della Comunicazione all’Università Tor Vergata (prima ha seguito anche Fisica), fa parte di un corpo di ballo, vuole testare le sue competenze nel campo della comunicazione, confrontarsi con giornalisti professionisti “e quindi rendermi conto da vicino di quello che vorrei fare nella mia vita”.  Si presenta con un servizio sul Banco Alimentare di Milano, dove ha realizzato anche la video intervista.

QUI per vedere il lavoro

Luca Masoero, 19 anni, nato a Roma, è a Milano per la laurea in ingegneria gestionale al Politecnico. Scout, è tutor del progetto “Ambasciatori dei Giovani, L’Europa che Vorrei”, 2014/15.  Per candidarsi ha scelto di raccontare storie di “Semi Coraggiosi” e di un’imprenditoria del pane che funziona sul passaparola.

QUI per vedere il lavoro 

Giuseppe (Peppe) Toninelli, 28 anni, di Riesi. Collabora con La Sicilia, corrispondente locale in attesa di tesserino. Volontario in progetti sociali e co fondatore di un’associazione culturale per la quale cura anche il canale youtube. Al contest porta due storie, quella del forno Santa Rita, una scommessa vinta da due giovani, un siciliano e un milanese, da un borgo fantasma tra Caltanissetta ed Agrigento, e quella del biologico coltivato in una immensa struttura di architettura organica voluta dal Servizio Cristiano Valdese.

QUI per vedere il lavoro. 

Gabriele Vallarino, 26 anni, di Arenzano (Genova), laurea magistrale in biologia (Biodiversità ed Evoluzione Biologica) a Milano, corso di giornalismo ambientale Laura Conti, ha fatto il correttore di carte nautiche, è guida e divulgatore scientifico nelle barche di whale watching dell’Acquario di Genova, scrive per Impronta Unika. Ha presentato un’inchiesta su un’azienda che produce basilico “davvero green”.

QUI per vedere il lavoro

Le quattro riserve (in ordine alfabetico) sono:

Ludovica Criscitiello, 28 anni, di Avellino, ma giornalista a Roma. Ha seguito il corso di giornalismo ambientale Laura Conti, collabora con La Nuova Ecologia e altri editori, scrivendo sopratutto di ambiente. In curriculum, anche uffici stampa, addetto alla pubblicità in una radio, alla comunicazione e al marketing, montaggio video e analista televisivo. Per il contest ha preparato un servizio sulla cooperativa Coraggio, composta da giovani romani che vogliono trasformare il Borghetto San Carlo in un’azienda agricola sostenibile.

QUI per vedere il lavoro

Matteo Isidori, 24 anni, laureando in Scienze della Comunicazione all’Università di Roma Tor Vergata, collabora dal 2010 con varie testate e radio sportive. Ha seguito il ciclo di workshop Si fa presto a dire green (2014). Si è presentato con un servizio sulla Carta di Milano e sulla sostenibilità di Barilla e con un’intervista a Maria Carmela Giarratano, Direttore Generale della Direzione Protezione della Natura e del Mare del Ministero dell’Ambiente.

QUI per vedere il lavoro

Giordana Maddalena, 22 anni, di Roma,  laureata in Scienze della Comunicazione all’Università di Roma Tor Vergata, ha seguito laboratori di giornalismo all’università, coordina una pubblicazione della sede sportiva dove lavora. Un sogno: diventare inviata di guerra. Per il contest ha preparato un servizio sull’agricoltura sinergica, raccontando un’esperienza anche didattica e intervistando Cinzia Forni, docente di Botanica e fitotecnologica all’Università Tor Vergata, su biodiversità.

QUI per vedere il lavoro

Francesco Regano, 22 anni, di Bisceglie (BT), studente in Lettere moderne a Bari, lavora nel commercio (prodotti informatici), ha partecipato ad un viaggio studio al Cern. Per il contest, ha preparato un servizio sull’alimentazione del futuro e le preferenze alimentari dovute alla cultura e all’abitudine; ha intervistato un giovane imprenditore locale che ha investito nella coltivazione di funghi con particolari versatilità.

QUI per vedere il lavoro


ERRATA CORRIGE: l’indirizzo a cui inviare gli elaborati per partecipare al contest VIVI EXPO DA INVIATO #gNeLab è info@giornalistinellerba.org

I candidati hanno tempo fino a MERCOLEDI’ 25 marzo per inviare i loro lavori.


C’è ancora qualche giorno di tempo per iscriversi e inviare gli elaborati per gNe9, il nostro Premio di giornalismo ambientale: le iscrizioni sono infatti prorogate all’8 marzo.
Diverse persone ci hanno segnalato un problema tecnico: il bottone PayPal presente sul nostro sito rimanda a una pagina che non consente di scegliere tra tutte le possibilità di iscrizione (per singoli, classi e gruppi). Abbiamo a nostra volta girato la segnalazione a PayPal e siamo in attesa di una soluzione nelle prossime ore. Se non volete aspettare, potete versare la quota di iscrizione anche con bollettino postale o bonifico bancario. In ogni caso, niente paura: all’8 marzo mancano ancora alcuni giorni, e terremo conto del ritardo che questo disguido tecnico può aver comportato.


Pronti, partenza, via! È ufficialmente aperto il contest nazionale “Feed your future – Il coraggio di raccontare i numeri” di Giornalisti Nell’Erba #gNeLab e Birrificio Angelo Poretti, Birra Ufficiale di Padiglione Italia. L’obiettivo è quello di selezionare 8 inviati under 30 che, per tutto il periodo di EXPO 2015, in collegamento diretto con la redazione centrale di gNe, andranno a caccia di notizie su qualità, innovazione, sostenibilità e greenicità ed avranno così modo di raccontare da protagonisti il grande evento.

I candidati, rigorosamente maggiorenni ma non oltre i 29 anni, hanno a disposizione un mese, fino al 23 marzo , per dare prova di essere veri reporter gNe con la produzione di una videointervista, un’inchiesta, un’interpretazione di tabella dati, post di Facebook e tweet in italiano e inglese

IL BANDO: gNeLab CONTEST il bando

GLI ALLEGATI DA COMPILARE: Allegato A – liberatoria   -   Allegato B – scheda iscrizione

(trovi il tutto anche su www.carlsbergitalia.it ).

 

N.B. Aggiornamento del 22 marzo 2015:

ERRATA CORRIGE: l’indirizzo a cui inviare gli elaborati per partecipare al contest VIVI EXPO DA INVIATO #gNeLab è info@giornalistinellerba.org

I candidati che avessero incontrato problemi nell’invio della mail hanno tempo fino a MERCOLEDI’ 25 marzo per inviare i loro lavori.

Continua … »


Nella puntata del 9 febbraio del programma Dei Delitti e delle Pene di RaiRadio3 viene intervistata la psicologa Michela Salvetti che lavora all’interno del carcere di San Gimignano. Due giovani detenuti, tutorati da Salvetti, hanno aderito al progetto Giornalisti Nell’Erba e partecipano al Premio Nazionale. La dottoressa Salvetti ci scrive che Giornalisti nell’erba “ha un ruolo davvero speciale per i due ragazzi di cui sono orgogliosa di essere la tutor”. Nell’intervista spiega come il progetto sia per loro un modo per guardare lontano, per entrare in contatto con il mondo esterno, per essere pari ai loro coetanei…  una finestra oltre le sbarre.

Qui la per ascoltare l’intervista: gne oltre le sbarre – 14:02:15 16.40


Il 2015 ha presentato un’altra sfida ai gNe, si chiama gNeLab, e questa volta oltre alla complessità di realizzazione, c’è anche il fattore emozione a rendere tutto più stimolante: gli occhi del mondo puntati addosso.

gNeLab è sperimentazione di nuovi giornalismi. E’ Il nuovo progetto targato Giornalisti Nell’Erba, che sarà presentato al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia e che porterà i gNe ad Expo2015, con un presidio giornalistico lungo quanto l’esposizione universale.

Il primo esperimento di gNeLab viaggia lungo il confine tra Giornalismo e Comunicazione. E’ lì che si gioca la prima partita. La Comunicazione ha lavorato sulle forme molto di più di quanto abbia fatto il giornalismo, almeno quello del nostro Paese. Perché dunque non provare ad imparare qualche trucco sulle “forme” per rendere più appetibile il contenuto giornalistico ambientale?

L’occasione arriva da Carlsberg Italia ed in particolare da Birrificio Angelo Poretti, Birra Ufficiale del Padiglione Italia. La prima sfida è quella di indagare tra i dati del bilancio di sostenibilità 2014 e tradurli al grande pubblico. Una sfida nata sotto il segno del coraggio. Coraggio, in questo caso, di Carlsberg Italia di “darci i suoi numeri”, quelli della sostenibilità e farceli indagare man mano che vengono elaborati, a caldo senza timori, in trasparenza. E di farceli anche raccontare a modo nostro. E coraggio nostro di affrontare questa sfida mai tentata con giovani pronti e competenti, forse più di tanti professionisti, giovani curiosi e vogliosi di mettersi alla prova.

Il team di gNeLab, un gruppo di giovani over 18, individuati dal direttore responsabile di Giornalisti Nell’Erba Paola Bolaffio, dal direttore artistico David De Angelis, dal capo ufficio stampa Giorgia Burzachechi, dal social media manager Ilaria Romano, dal responsabile Impaginazione e Web Marco Morici e dal capo del comitato scientifico Sergio Ferraris, si cimenteranno nell’indagine, nell’analisi dei dati e nel brainstorming creativo per la realizzazione anche grafica di un prodotto editoriale sperimentale che traduca in modo efficace dati normalmente poco “digeribili” dai lettori. Giornalismo ambientale, comunicazione scientifica, comunicazione di buone pratiche, giornalismo economico e sociale, dati, numeri, tabelle… Il tutto cucinato nei “pentoloni” della scrittura, della grafica, di html, video, immagini, social media e tutto ciò che in più, o in meno, verrà in mente.

Il secondo esperimento porta i giovani reporter ambientali, selezionati tramite un contest imminente e tutorati da una rete di giornalisti professionisti, a caccia di notizie sul nutrimento del futuro per tutta la durata di Expo2015.

Sguinzagliati all’interno dell’esposizione universale, racconteranno nel loro modo trasparente, corretto, efficace i segnali di qualità innovazione, sostenibilità e #greenicità.

Ancora una volta è stata Carlsberg Italia/Birrificio Angelo Poretti, a volerci come “media partner” in quest’avventura.

Gli 8 inviati saranno in corsa per dare le migliori notizie con quelli di tutti i giornali. Ma saranno anche in gara tra loro: i migliori servizi giornalistici, i migliori tweet e post, le foto più significative, le interviste più interessanti che avranno prodotto, saranno infatti oggetto di un ulteriore valutazione, alla fine della quale, una/o di loro vincerà periodo formativo.

Tutte queste sfide sono legate con doppio filo al tema di Expo2015 “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, da un lato tentare di scoprire soluzioni per un domani più sostenibile e dall’altro dedicare particolare attenzione ai giovani, un vivaio che si pone come vero nutrimento del futuro.