Giornata ecologica

di Corino Giulia, 12 anni, Corigliano Calabro

Chiara, un pomeriggio di primavera, volle fare una passeggiata nel bosco con il suo cane Kiro.

immagine1

Mentre camminava rimase scioccata nel vedere tutto il sentiero prima del parco del suo piccolo paese ”Trashland”, pieno di cartacce, piatti, bicchieri di plastica e bottiglie di vetro.

immagine2

Il giorno dopo decise di informare della situazione l’insegnante della sua classe. La professoressa, colpita dal racconto di Chiara, organizzò una giornata ecologica, coinvolgendo tutta la scuola. Si decise per la domenica mattina.

immagine3

Tutti gli studenti, gli insegnanti e persino il Dirigente Scolastico si ritrovarono davanti al sentiero che portava al bosco, armati di sacchi, scope e palette. Erano tutti entusiasti, perché si dava una mano alla natura e si ripuliva il bosco dai rifiuti di ogni genere. Ogni rifiuto venne riposto nell’apposito sacco e furono accumulati tanti sacchi di immondizia divisi per materiale, perché se ogni cosa viene messa al posto giusto, può essere riciclata e dare vita a nuovi oggetti.

immagine4

La notizia della “giornata ecologica”, finalizzata a migliorare il bilancio della sostenibilità di Trashland, fu pubblicata anche sul giornalino della scuola e il Sindaco del paese da quel giorno rese obbligatoria la raccolta differenziata. Dopo un anno ci furono risultati positivi sul fronte della sostenibilità economica, sociale e ambientale del piccolo paese. Il paese fu anche premiato come il più virtuoso della regione, frutto dell’impegno costante e della forte determinazione degli abitanti di Trashland. La piccola cittadina non poteva più continuare a mantenere questo orribile nome e gli fu assegnato il nome di “Clean City”.

immagine5

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>