Storie di vita “oltre”

Storia di una famiglia di Genova, una famiglia “oltre”, ovvero di “tre persone che dimostrano con i fatti il loro Amore per il nostro pianeta”, della 2 E dell’I.C. Corradini di Roma coordinata da Maria Grazia Antonella.

La II E ha anche intervistato la Preside Maria De Biase dell’I.C. “Teodoro Gaza” di San Giovanni a Piro (Sa), la “preside terra terra” che ha vinto il Premio cittadino europeo.

La nostra ricerca di vite “oltre” ci ha portato a conoscere una persona veramente eccezionale. Talmente eccezionale che se ne sono accorti anche al Parlamento Europeo, assegnandole un premio come uno dei migliori Cittadini Europei. Lei è Maria De Biase, preside dell’Istituto comprensivo “Teodoro Gaza” di San Giovanni a Piro, in provincia di Salerno. Una scuola molto particolare, in cui i bambini coltivano da sé ciò che occorre per fare una genuina “ecomerenda”, in cui l’attenzione per l’ambiente è massima e si cerca di applicare alla lettera la regola delle 3 R (Riduci, Riusa e Ricicla). Ecco come si è raccontata a noi in un’intervista virtuale:

Com’è nata l’idea del progetto di “educazione alla ruralità”?
Sono nata e cresciuta a Marano di Napoli, un paese a nord di Napoli. Figlia di contadini, mi sono sempre occupata di scuola. Ho cominciato a fare l’insegnante appena diciottenne, oggi ne ho 55. Con gli anni mi sono occupata soprattutto di educazione alla legalità, anche insieme a Libera, l’associazione di don Ciotti. Diciamo che per oltre 20 anni ho lavorato sull’emergenza, sulle dinamiche mafiose, sul degrado, sull’inquinamento da rifiuti tossici che ha devastato la mia terra. Nel 2007 ho superato il concorso per dirigenti scolastici e mi sono trasferita in provincia di Salerno, nel Cilento. Avevo voglia di misurarmi con una pseudonormalità che mi era mancata. Volevo provare a capire cosa può realizzare una scuola in condizioni di normalità.

Quanto tempo ci è voluto per realizzare questo progetto?
Ho cominciato subito, appena arrivata nel Cilento, nel 2007. Da allora non ci siamo mai fermati.

Come hanno reagito genitori, alunni ed insegnanti a questa iniziativa?
In tanti hanno reagito male, almeno all’inizio. Erano perplessi, i docenti si sentivano “declassati”, ritenevano offensivo che volessi mandarli a zappare! Oggi sono in tanti a seguirmi, a condividere questa idea di scuola. Molti si sono formati, sono preparati e capaci. Tanti sono più avanti di me. Tanti genitori, quando abbiamo cominciato, si sono mostrati ostili e diffidenti. Oggi la comunità ci guarda con attenzione e molti adulti partecipano attivamente alle attività della scuola.

Cosa piantate nell’orto?
Realizziamo orti sinergici ed orti tradizionali. Tutti biologici. Coltiviamo tutti i tipi di ortaggi: insalate, piselli, fave, agli, cipolle, pomodori, zucche, zucchine, melanzane, finocchi, ecc. ecc. I prodotti vengono utilizzati per le merende.
Abbiamo piantato, nei giardini delle scuole, tanti alberi da frutto autoctoni che stanno cominciando a produrre frutta buona, sana, biologica, locale per i nostri bimbi e nostri ragazzi.

In cosa consiste l’eco-merenda?
L’ecomerenda è una filosofia di vita. Abbiamo eliminato le merendine confezionate e gli altri prodotti spazzatura destinati all’alimentazione dei ragazzi. Abbiamo introdotto pane e olio, pane e marmellata, miele, frutta, ortaggi, frutta secca, dolci fatti dalle mamme, pizza locale, succo d’arancia, ecc. ecc. Insomma, nulla di industriale, tutto a km zero e fatto con le nostre mani!

Oltre a cibarvi delle cose dell’orto, comprate molti prodotti dal supermercato?

Per l’ecomerenda compriamo al panificio grandi pezzi di pane nero, fatti con farine locali e lievito madre. L’olio lo facciamo raccogliendo le olive da alcuni alberi dei nostri giardini. Le marmellate e il miele ce li regalano le famiglie. Anche la frutta fresca e la frutta secca ci viene offerta dai privati.

Ai ragazzi date mai cibi fuori stagione (ad esempio, la mensa prepara mai pasta e zucchine in inverno)?
Le mense non sono di mia competenza. Visto, però, il lavoro che stiamo facendo e la sensibilità sui temi alimentari che si sta diffondendo, anche le mense stanno cambiando e si stanno adeguando ai nostri princìpi. Evitano prodotti fuori stagione, preferiscono il locale e soprattutto accettano i nostri prodotti, quando sono in eccesso per le ecomerende. Noi abbiamo tutte cucine in loco, con personale locale, molti dei dipendenti appoggiano i nostri princìpi.

Ai maestri e ai bambini piace questo tipo di alimentazione?
I bambini sono i nostri maggiori alleati. Sono felici di mangiare quello che noi proponiamo. Il momento dell’ecomerenda è sempre pieno di allegria, sorrisi e felicità. I docenti hanno capito. Ora, poi, si sentono protagonisti. Arrivano riconoscimenti e premi importanti. Aiutano a farci sentire confermati e sulla buona strada.

Che cosa riciclate e quali azioni mettete in atto per essere il più ecologici possibile?
Non utilizziamo l’usa e getta, nemmeno nelle mense, abbiamo ridotto la plastica, si beve acqua di fonte, niente bottiglie di plastica. Recuperiamo l’olio esausto alimentare e produciamo sapone che viene utilizzato nei bagni della scuola. Il resto lo vendiamo nei nostri mercatini e con il ricavato aiutiamo le nostre famiglie in difficoltà, con il resto sosteniamo due progetti di solidarietà in Senegal ed in India.
Compostiamo il nostro umido, costruiamo compostiere a chi ne fa richiesta. I bambini di V elementare, accompagnati dalle maestre, vanno a casa della famiglia che ne fa richiesta. Per gli addobbi utilizziamo sempre materiali di scarto.

Da quando avete messo su questi progetti, le iscrizioni nella scuola sono diminuite o aumentate?
Qui abbiamo seri problemi con la crisi. Molte famiglie hanno ricominciato ad emigrare. Gli alunni diminuiscono. Alcuni, però, si sono trasferiti appositamente da noi. Una famiglia di Napoli e una di Milano si sono trasferite da noi per permettere ai loro bambini di frequentare la nostra scuola. Una signora di Londra si è trasferita con la sua bambina perché ritiene troppo importante il nostro percorso scolastico.

Cosa vorrebbe che apprendessero i ragazzi negli anni trascorsi nel suo istituto?
Vorrei che sapessero diventare cittadini responsabili ed eticamente corretti. Che sapessero apprezzare la grande bellezza del nostro territorio, che imparassero a saperlo valorizzare e a saperlo proteggere. Che trovassero qui i percorsi lavorativi e non si sentissero costretti ad andare via.

Ha altri progetti in mente?
Ho tanti progetti in mente! Da 2 anni abbiamo cominciato con un progetto che insegna agli alunni a costruire strumenti musicali con i rifiuti. Uno dei miei sogni è quello di formare un’intera orchestra fatta tutta di rifiuti!

Oltre a portare nella scuola il suo amore per l’ambiente, anche al di fuori dell’ambito scolastico lei adotta uno stile di vita ecologico? Se sì, in che modo?
Ho un orto che coltivo da sola con grande passione, compro solo prodotti locali, preferendo i piccoli produttori. Ho ridotto i rifiuti, composto il mio umido, ho 3 galline, mi preparo pane e biscotti con la farina locale e tanto altro!

Perché recentemente è stata premiata dal Parlamento Europeo?
Il parlamento europeo mi ha premiato per le buone pratiche adottate a scuola. Chi ha proposto la mia candidatura per questo premio è stato il parlamentare europeo Dario Tamburrano, che mi ha scelto per il fatto di portare avanti un progetto che supporta i valori della protezione ambientale e dei diritti dei minori a ricevere le attenzioni e la protezione necessaria per il loro benessere, come previsto dalla Carta Europea dei Diritti Fondamentali.

In un momento in cui si parla tanto di “buona scuola”, abbiamo trovato qualcuno che la buona scuola la fa davvero! La speranza è che il caso di Maria De Biase e del suo istituto non rimanga isolato, ma faccia da traino per creare tante realtà sempre più attente all’ambiente, alla salute dei bambini e di chi lavora con loro e al recupero di sane abitudini.

cod. conc.1611180921

2 pensieri riguardo “Storie di vita “oltre””

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>