DonatelloNews sostenibililmente online

della redazione dell’Istituto Comprensivo Donatello di Roma coordinamento di Lucia Viola

In linea con il tema proposto quest’anno, la sostenibilità appunto, la redazione ha abbandonato definitivamente l’edizione cartacea dell’house organ e si è “lanciata” in rete con un blog. Il sito propone diverse sezioni, tutte gestite dagli alunni e coordinate da una equipe di docenti che per la prima volta ha puntato su una produzione snella e facilmente consultabile.

DonatelloNews contiene (per ora) contributi scritti, disegni e foto inedite. Nel prossimo futuro è previsto l’inserimento di una sezione video per documentare, secondo schemi tipici della fruizione 2.0, le attività dell’Istituto e del territorio circostante.

DONATELLONEWS

donatellonews

Quattro Passi per l’Ambiente

a cura degli alunni della classe 5 A della scuola primaria di Bovino (ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOVINO-PANNI-CASTELLUCCIO DEI SAURI)

Sono ormai un po’ di anni che la nostra scuola è attenta ad una coscienza ecologica che crei una consapevolezza dell’importanza dell’Ambiente come valore assoluto alla base di una sana prospettiva di vita e di sviluppo sostenibile.
Con la nostra insegnante, abbiamo lavorato sull’attenzione globale e locale immaginandoci come futuri cittadini che…

[continua nell’impaginato]

Agricoltura biologica ed economia circolare per lo sviluppo del territorio

di Redazione di Castelluccio dei Sauri, Istituto Comprensivo di Bovino

Un solo Pianeta non ci basta. «L’esistenza di ogni uomo implica il consumo di una certa quantità di ambiente: i ricercatori la chiamano “impronta ecologica”. Dal 1966 al 1996 questo consumo è raddoppiato. E l’impronta ecologica di uno statunitense oggi è di 12 ettari; quella di un etiope mezzo ettaro. Per questo qualsiasi politica dei Paesi industrializzati non può non prevedere una riduzione del consumo di natura».

Queste le parole di Gianfranco Bologna, portavoce del Wwf e curatore dell’edizione italiana del rapporto sullo stato del pianeta del Worldwatch Institute del 2010 . L’eccesso del consumo di natura oggi è l’emergenza e per limitarlo bisognerebbe mantenere la popolazione mondiale intorno ai dieci miliardi di individui entro la fine del secolo e trovare modelli di sviluppo diversi, ridurre cioè il peso dell’impronta ecologica degli occidentali. E’ fondamentale cambiare radicalmente i modelli economici: il modo di produrre alimenti, evitando gli sprechi, il modo di produrre e usare l’energia, il modo di consumare le risorse come suolo e acqua. È difficile convincere le persone ad adottare uno stile di vita più sostenibile, se pochi hanno reale consapevolezza del problema. Temi come “cambiamenti climatici”, “rischio desertificazione”, “scarsità dell’acqua”, “perdita della biodiversità” da molti, fra cui anche Capi di Stato, vengono ritenute visioni catastrofiste oppure fake news. L’informazione e la cultura sono il punto da cui partire. La scuola e la società hanno un ruolo fondamentale.

Una Merenda Più Sostenibile

a cura degli alunni della classe IC di Panni (ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOVINO-PANNI-CASTELLUCCIO DEI SAURI)

Ci siamo. Anche quest’anno partecipiamo al concorso Giornalisti nell’Erba. Si parla di bilanci di sostenibilità. Non ne sapevamo molto, ma ci siamo documentati. In un bilancio si fanno dei conti. E la sostenibilità? Abbiamo capito che la sostenibilità riguarda il modo in cui viviamo, mangiamo e tutti i nostri gesti quotidiani.

[continua nell’impaginato]

Il gioiello della valle del Cervaro

di REDAZIONE “PAROLA NOSTRA” (scuole medie) ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOVINO-PANNI-CASTELLUCCIO DEI SAURI

Bovino. Siamo qui per parlare di animali? No, piuttosto per parlare di sostenibilità partendo dal nostro territorio!
Siamo nei Monti Dauni, territorio delimitato a sud dalla Valle dell’Ofanto, a ovest dallo spartiacque appenninico, a est dal Tavoliere delle Puglie e a nord dalla Valle del Fortore. Fisicamente il terreno è argilloso e sono presenti tanti brevi corsi d’acqua e boschetti. Il territorio è occupato da piccoli borghi nei quali si respira una calorosa atmosfera familiare e l’aria fresca libera i polmoni…

[continua nell’impaginato]