Il buco nero dell’informazione ingoia il mondo

video della classe I, scuola secondaria di primo grado Istituto Comprensivo “Foscolo-Gabelli” di Foggia, coordinamento Barbara Doronzo

Sinossi: Un centro di ricerca statunitense divulga la notizia attraverso i telegiornali che il buco nero più prossimo alla Terra, Sagittarius A star, vive una fase di anomala dilatazione e con la sua potente attrazione magnetica ha modificato l’inclinazione dell’asse terrestre. A causa di ciò, la temperatura del Pianeta è destinata a scendere. In circa cinque anni, le calotte polari si estenderanno fino al 40° parallelo N. e S.. La fascia temperata riguarderà  le aree a ridosso dell’Equatore. Proprio queste aree geografiche saranno destinate ad accogliere tutta la popolazione mondiale, invertendo così i flussi migratori. 

Al fine di rallentare la nuova era glaciale che si va prefigurando, gli scienziati consigliano di inquinare quanto più possibile, per determinare un innalzamento della temperatura del globo. Trattandosi di una fake news, dopo cinque anni la Terra paga le conseguenze di tanta dissennatezza. 

Un pensiero riguardo “Il buco nero dell’informazione ingoia il mondo”

  1. Bel video, intelligente punto di vista. In futuro non ci sarà bisogno del buco nero perché e’ il nostro Sole si espanderà rendendo la vita sulla Terra impossibile. Ma manca parecchio, non vi preoccupate! Al di la della fake new il video mette l’accento anche sulla reazione antropica, che se sbagliata peggiora sensibilmente la situazione come abbiamo fatto fino ad ora. Ma per fortuna gli scienziati non credono alle fake news e ci stanno dicendo che dobbiamo agire.

Rispondi a Giovanni Mazzitelli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *